educatore cinofilo a domicilio

Educatore Cinofilo a Domicilio Torino: vorrei Educare il Tuo Cane

Sapevi che anche a Torino esiste la figura dell’educatore cinofilo a domicilio? Si tratta di un servizio non molto diffuso in Italia in cui un educatore professionista si reca direttamente nell’ambiente in cui il cane è cresciuto e vive attualmente. Ma perché una figura simile sta oggi diventando così importante?

Scegli un educatore della tua provincia, io sono a Torino e dintorni

Quando ad esempio si sta cercando un educatore cinofilo a Torino, la prima cosa che si fa è quella di cercare i campi di addestramento o educazione cinofila più vicini a noi. Oppure di chiedere ad amici o parenti consigli utili o se hanno informazioni o campi che conoscono da poterti suggerire.

Un’altra alternativa è quella di cercare su internet. Quante volte ti sei affidato ad internet per cercare quello di cui avevi bisogno? Molte immagino e probabilmente questo è anche il motivo per cui ora ti trovi qui. Ormai, nell’era della tecnologia, internet è diventato quasi indispensabile ed è in grado di fornire tantissime informazioni utili se sappiamo come cercarle.

Questa premessa è stata fatta per dirti che se cerchi un campo di lavoro oppure un centro cinofilo di educazione o addestramento molto probabilmente stai tagliando fuori dalla tua ricerca tutte quelle figure professionali che magari non hanno un campo di lavoro perché hanno deciso di non averlo. Una di queste figure è quella dell’educatore cinofilo a domicilio.

Educatore Cinofilo a Domicilio? Ne hai mai sentito parlare?

Contattami

Contattami senza impegno per avere più informazioni su come poter educare il tuo cane direttamente a casa tua…

    Educatore cinofilo a domicilio
    Educatore cinofilo a domicilio

    Educatore cinofilo a domicilio: perché sceglierlo?

    Ma ora vediamo per quale motivo questa figura professionale esperta di educazione cinofila può scegliere di non appoggiarsi a nessun campo per le sue sessioni educative e quindi decidere di diventare educatore cinofilo a domicilio.

    Nei precedenti articoli abbiamo già parlato di e cosa fa veramente un educatore cinofilo e di come educare un cane. Partendo dal presupposto che tu abbia già scelto di affidarti a questa figura professionale ti aiuterò a capire come scegliere il posto dove poter andare a lavorare con il tuo cane.

    Generalmente è facile associare a questa scelta il pensiero che il soggetto in questione non abbia un campo perché non possa permetterselo, oppure perché ha finito la sua formazione professionale da poco e non ha ancora le competenze per poter gestire una struttura. Invece dietro a questa scelta può esserci una motivazione strategica e organizzativa ben precisa. Partiamo dalla differenza che esiste tra educazione cinofila e addestramento ma ancora più nello specifico a cosa significa educare un cane.

    Ti riporto qui di seguito un punto focale dell’articolo:

    “L’educatore cinofilo è quella figura che educa e sviluppa le facoltà intellettuali, fisiche e morali dei cani. Cioè insegna loro a vivere e rapportarsi nella società in cui vive, gli insegna ad affrontare ogni situazione e a comunicare in modo corretto con l’ambiente circostante. Inoltre educare significa spiegare ciò che vogliamo da lui, per aumentare la sua qualità di vita e conseguentemente la nostra, senza incomprensioni e fraintendimenti. “

    Io, ad esempio, come educatore cinofilo professionista ho fatto questa scelta ed ora ti spiego il perché. Il compito è principalmente quello di “educare” il tuo amico a 4 zampe a vivere con te, nella tua quotidianità. Ognuno di noi ha ritmi diversi, tempi diversi, case diverse ma soprattutto esigenze diverse. come posso tener conto di questa diversità lavorando in un campo?

    Un educatore cinofilo a domicilio educare il tuo cane a casa vostra

    Mi spiego meglio, se devo aiutarti ad educare il tuo cane a seguirti nella tua vita come posso farlo se prima non capisco come si svolge la tua vita? Con questo non voglio assolutamente dire che chi sceglie di lavorare in un campo non possa o non riesco a farlo ma, indubbiamente ma nella mia esperienza ho potuto constatare che lavorando nell’ambiente usuale di vita risulta tutto più semplice e “su misura”.

    Senza contare che, venendo direttamente a casa tua, tu e gli altri membri della tua famiglia, cane compreso ovviamente, sentendovi in un ambiente protetto manifesterete prima tutta quelle situazioni che oggi riconoscete come problematiche e che noi educatori cinofili possiamo aiutarvi a correggere.

    Voi avrete comportamenti più naturali e noi educatori cinofili di rimando saremo sicuramente facilitati a comprendere meglio le dinamiche che si sono instaurate tra voi ed il vostro simpatico Amico.

    educatore cinofilo a domicilio
    Cosa fa un educatore cinofilo a domicilio

    C’è un altro aspetto fondamentale da considerare che per voi sarà molto più semplice applicare i suggerimenti ricevuti se avete la possibilità di vederli applicati alla vostra vita attuale piuttosto che vederli e provarli nel campo di lavoro e poi doverli contestualizzare da soli nella vita quotidiana.

    Accade spesso, quando iniziamo a lavorare con nostro cane in un centro,  di pensare di dover dedicare del tempo per poter lavorare con lui. Quindi di dover ritagliare ulteriore tempo a quel poco che già ci è rimasto nella nostra vita frenetica. La decisione di diventare un educatore cinofilo a domicilio nasce anche da questa problematica. E quindi per aiutare quelle persone che decidono di affidarsi a noi a contestualizzare meglio il lavoro da fare con il proprio cane.

    Facciamo un esempio pratico per essere più chiari: il mio cane non è abituato a stare in mezzo alla gente nei luoghi pubblici, ma io vorrei uscire anche solo per un aperitivo e poterlo portare con me. Solitamente si spaventa oppure diventa ingestibile, si agita e crea situazioni di forte disagio per entrambi.

    Si organizzerà un incontro mirato con il proprio educatore cinofilo a domicilio ad esempio in un bar dove potrai osservare nella pratica e nel contesto giusto come risolvere quel problema specifico. Quando sarai da solo dovrai solo replicare passo passo quello che hai visto e imparato e ti accorgerai che tutto sembrerà molto più semplice.

    Vorrei comunque concludere questo articolo ricordandoti che quando si inizia ad educare un cane ci vuole comunque tanta pazienza, tanta perseveranza e tanto, tantissimo lavoro!! E vero che alcune cose posso essere semplificate e che alcuni approcci rendono tutto più fattibile ma non dobbiamo dimenticarci che i risultati arriveranno grazie alle azioni che compiremo ogni giorno, e quindi del lavoro che decideremo di fare costantemente con il nostro cane.

    Contattami senza impegno per avere più informazioni su come poter educare il tuo cane direttamente a casa tua…

      2 commenti su “Educatore Cinofilo a Domicilio Torino: vorrei Educare il Tuo Cane”

      1. ciao silvia,
        la mia attenzione è stata catturata dalla tua immagine insieme ad un lupo cecoslovacco, che amo profondamente 🙂
        Sono Daniela, ho 40 anni e a dicembre, dopo un difficile periodo di malattia, insieme a mio marito e i miei bambini abbiamo deciso di adottare un cane da un canile. Premetto che ne abbiamo già uno di piccola taglia, un bassotto a pelo ruvido di 5 anni dal carattere moooolto schivo.
        Avevo la voglia e la necessità di avere un cane che mi accompagnasse a camminare cosa che Moka la bassotta non fa (odia camminare).
        Mi sono imbattuta nell’oasi di anime randagie, un luogo di recupero per i cani calabresi.
        Due occhioni neri ed imploranti mi hanno fatto innamorare e così è arrivato Abel.
        Meticcio nero corvino di circa un anno e mezzo/due, taglia media,dal passato orrendo, trovato in un bosco legato ad un albero con un filo di ferro intorno al collo, gli avevano sparato alla gamba posteriore destra, al muso e alla schiena. L’oasi si è occupata di curarlo e rimetterlo in piedi, poi sono arrivata io e con una lunga staffetta è arrivato a torino il 18 dicembre.
        Apparentemente molto docile in poche settimane si è ambientato benissimo, ha imparato il soli 4 giorni a non sporcare in casa.
        Dopo due mesi la sua gamba è peggiorata e ho dovuto farlo operare per rimuovere la staffa di ferro che gli era stata messa. Una convalescenza lunga e tortuosa, si è fatto saltare i punti 4 volte in una settimana!!!
        Infatti Abel è vivacissimo, salta come un canguro SEMPRE, difficilissimo mettergli il guinzaglio da quanto salta e se non salta mordicchia la mano e rende impossibile ogni operazione, tira come un cavallo da lavoro e abbaia spesso e volentieri alla gente che incontra x strada (e la spaventa), la gente che arriva in casa viene accolta con tanti abbai e Abel circumnaviga la persona estranea per tutto il tempo che rimane in casa.
        Con noi 4 è molto bravo, molto coccolone e giocherellone, fuori qualche problema me lo crea.

        Consigli ne avrei bisogno eccome ma Abel è un muto aperto…sto spendendo moltissimo per lui e x la sua delicata salute (ora è in trattamento per una brutta tracheite che sembrava polmonite, lastre continue perché vomita pezzi di plastica da quando è arrivato a torino, lastre x monitorare la gamba, castrazione chimica x vedere se migliora l’atteggiamento con i cani maschi (per ora zero)…
        Insomma se da un lato sono felice che Abel sia con noi dall’altra mi mette in crisi la sua eccessiva vivacità, dammi se puoi ogni tipo di consiglio che ti viene in mente perché purtroppo al momento non posso farmi seguire da un educatore, i costi sono troppo elevati.

        grazie dell’attenzione, Daniela, Daniele, Viola, Valerio, Moka e Abel 🙂

        Rispondi
        • Ciao Daniela,
          grazie di avermi scritto e soprattutto grazie per la bellissima condivisione della vostra storia.
          Abel come moltissimi altri cani, purtroppo, ha avuto un passato tortuoso e alquanto infelice e questo ha sicuramente segnato profondamente sia il suo carattere ma anche la sua anima. Ammiro il coraggio che avete avuto per affrontare tutte le difficolta che vi si sono presentate, siete un gruppo forte e questo alla lunga vedrai che porterà dei bellissimi risultati.
          Sicuramente, tenendo conto di quello che mi hai raccontato, il mio più sincero consiglio è quello di farvi seguire in un percorso di rieducazione che vi possa aiutare a gestire quelle parti del carattere di Abel che non riuscite ancora a capire. Questo però, per il momento, non è ancora una competenza per la quale io sono abilitata perché per il percorso di rieducazione è lungo ed io, per quello sono ancora in formazione.
          Quello che posso fare però, per il momento, è sicuramente aiutarti nella parte educativa, a gestire e migliorare il rapporto che c’è tra di voi e a insegnarvi come comunicare nel modo corretto con lui.
          Tra l’altro sto preparando diversi contenuti gratuiti che spero possano aiutare te e chi come te ha la voglia di imparare e di mettersi in gioco per vivere più serenamente con il proprio cane ma che non sempre ha il supporto economico per poterlo fare.
          Silvia

          Rispondi

      Lascia un commento