Colpo di calore cane: consigli per evitarlo

D’estate non siamo solo noi a soffrire delle temperature elevate in città, vi siete mai chiesti come proteggere il tuo cane da colpi di calore? Esistono consigli e rimedi? Quali sono le cose da fare e quelle da non fare assolutamente?

L’estate è arrivata e con essa il caldo afoso con tutta la sua prepotenza, raggiungendo temperature elevate, superiori addirittura ai 30° centigradi

Se è vero che, per noi, diventa assolutamente necessario salvaguardarsi da afa eccessiva, colpi di calore e disidratazione, per Fido e Micio il disagio non è per nulla differente!

I cani più a rischio di colpo di calore sono i cuccioli fino a sei mesi di età, i cani anziani, quelli in sovrappeso o che si affaticano troppo durante l’attività fisica, per non parlare dei cani che soffrono di malattie croniche o che sono convalescenti o che presentano disturbi respiratori.

I consigli per proteggere i cani dal colpo di calore

Colpo di calore cane

Colpo di calore cane

Molti di questi consigli sono dettati dal buon senso e potrebbero sembrare addirittura scontati, ma non è così ovvio! I cani  soffrono come noi di colpi di calore e disidratazione: i sintomi sono pelle che scotta, spossatezza, difficoltà a respirare, barcollamento.

Pertanto, per i nostri amici a 4 zampe, se siete in casa, garantite loro un posto all’ombra, acqua fresca sempre a disposizione e ciotole per il cibo accuratamente sistemate, anch’esse, al riparo dal sole.

Passeggiare con il proprio cane in estate è pericoloso?

Evitate le passeggiate con il vostro cane nelle ore più calde, tra le 12 e le 16 per intenderci, così come dovreste evitare le attività fisiche troppo stressanti al parco.
Non lasciatevi ingannare dai numeri: 30° centigradi non sono mai avvertiti come tali: anche per cani qualunque temperatura al di sopra di essi, se accompagnati da un tasso di umidità intorno al 70 %, può essere avvertita fino ed oltre i 40°.

Durante le vostre passeggiate, portate sempre con voi una ciotola ed una bottiglia di acqua fresca, non ghiacciata, per garantirgli una buona idratazione.

Durante le passeggiate ma anche in casa, in presenza di temperature davvero eccessive, è necessario bagnare spesso il cane ( magari quest’ultimo con un asciugamano bagnato), sul corpo, sulle zampe e sul musetto, per abbassare gradualmente la temperatura corporea.

Come faccio a far bere di più il  cane d’estate?

Uno dei modi per spingere il cane a bere maggiormente è l’uso delle fontane: l’acqua che scorre attira l’attenzione dell’animale ed è sempre fresca e pulita. Inoltre, la lettiera deve essere sempre pulita, per evitare così il depositarsi di uova di parassiti sul fondo.

Il cane può scottarsi la pelle?

In spiaggia o in giardino, anche per cani soprattutto quelli con pelle sensibile e il manto molto chiaro, è necessaria la protezione dai raggi solari troppo intensi che possono causare scottature.

Si può spalmare la protezione solare sulla punta delle orecchie e sulle altre zone delicate e più esposte prima di farli uscire, facendo attenzione a scegliere il prodotto giusto.

Le cose da non fare

Oltre ai consigli per proteggere gli animali da colpi di calore vorrei parlarvi anche di alcune cose più o meno note riguardo alle cose da non fare assolutamente, ad esempio tosare un animale perchè “chissà che caldo con quel pelo”. I nostri amici a 4 zampe hanno una fisiologia diversa da noi esseri umani!

Il problema dei cani lasciati in auto d’estate

Mai lasciare il cane da solo in auto, neanche con il finestrino leggermente abbassato: con temperature esterne così roventi, quella interna all’auto diventerebbe elevatissima in pochissimo tempo!
Bastano infatti anche solo 10 minuti per provocare gravi danni al nostro amico se non addirittura una morte atroce!

Ogni anno, purtroppo, d’estate casi di cani lasciati in auto ad arrostire sotto al sole si ripetono, spesso con un finale drammatico poiché queste esposizioni a temperature roventi arrivano a costare la vita all’animale.

Inoltre, se notate un cane chiuso in auto con evidenti segni di sofferenza chiamate immediatamente le forze dell’ordine e un veterinario. Provate a fargli ombra utilizzando dei giornali posti sul parabrezza e nel caso fosse possibile, versate dell’acqua all’interno dell’abitacolo per bagnare il cane e magari dargli da bere.

Tosare il cane d’estate è una buona idea?

Non tosate il cane, pensando che in questo modo possa soffrire meno il caldo Conoscere come funziona la fisiologia del cane può aiutare a capire meglio: i cani  sono esseri omeotermi, il che significa che sono in grado di regolare la perdita o l’acquisto di calore, al fine di mantenere la temperatura corporea costante.

I cani, a differenza dell’uomo, hanno le ghiandole sudoripare collocate principalmente sotto i polpastrelli, per cui in caso di caldo eccessivo, per poter regolare la temperatura corporea e mantenere costante la riserva di liquidi, inspira aria dal naso e la espelle spalancando la bocca e lasciando penzolare la lingua: in questo modo si avvia il processo di raffreddamento tramite l’evaporazione dei fluidi contenuti sulla lingua.

Tagliare il pelo non favorisce quindi in alcun modo la sudorazione, che i cani non hanno, ma elimina un prezioso strumento di conservazione e regolazione della temperatura.

Il mantello del cane, infatti, è una protezione naturale: protegge dal freddo e dal caldo, impedendo la perdita di calore del corpo, con un grado di isolamento termico che aumenta con lo spessore.

In più, tosandolo, esponiamo la sua pelle direttamente ai raggi solari, con il rischio di provocare possibili scottature, dermatiti e tumori della pelle! La tosatura è utile solo per alcune rare eccezioni, come per il barbone e i cani con pelo a crescita continua, ai quali bisogna spuntare ogni tanto il mantello.

Infine, ricordate che l’estate è una stagione di divertimento per tutti, nessuno escluso: con poche precauzione potrete garantire a voi e ai vostri amici animali la giusta protezione dal caldo eccessivo.

Leggi altri articoli scegliendo tra di questi qui sotto oppure scarica la nostra guida gratuita che ti aiuterà se hai un cane che tira al guinzaglio.

Leave a Reply