Pinscer nano carattere, cuccioli e alimentazione

Pinscher nano

pinscher nano

pinscher nano

Conosci la razza del pinscher nano o pincher nano? Vedremo in questo articolo una breve storia del pinscher nano, il carattere e come educarlo, i problemi di salute più diffusi del pinscher nano e il pincher toy.

Anche chiamato zwergpinscher, il pinscher nano ha origini tedesche e la sua prima comparsa ufficiale nei registri canini risale al 1900. In realtà esistono reperti archeologici che dimostrano come questa razza di cane fosse presente già in civiltà molto più antiche, ma non vi sono menzioni di alcun tipo negli scritti storici perché erano cani di contadini, quindi considerati di basso livello.
Il pinscher nano deriva dal pinscher di taglia medio-piccola, ottenuto da una selezione di soggetti sempre più piccoli in modo da garantire una genealogia di cagnolini toy.

Rispetto a molte razze miniaturizzate, il pinscher nano non mostra segni di nanismo, soprattutto a livello di struttura cranica e scheletrica, questo fa sì che la razza possa essere considerata di diritto tale e non una deturpazione di quella originaria.
Il pinscher nano può essere catalogato come un cane da guardia, nonostante le sue piccole dimensioni. In effetti, se ben lo si osserva, potrebbe sembrare una miniatura del dobermann.

Pinscher carattere e temperamento

Pinscher carattere

Pinscher carattere

Il pinscer nano è un cane dal temperamento attivo e vivace, a volte chiassoso e apparentemente aggressivo o che mordicchi tutto quello trova, dotato di una sicurezza nel comportamento che si contrappone nettamente alle sue piccole dimensioni.
Per il suo carattere, instaura un forte legame con il proprio proprietario, al punto da esprimere forti emozioni legate alla gelosia nel momento in cui c’è il contatto con qualsiasi altro cane o essere umano.

All’interno dell’ambiente domestico il pinscher nano si mostra abbastanza equilibrato e docile con i componenti della famiglia, con cui instaura un tipo di rapporto gerarchico, in cui ognuno ha una posizione più o meno importante.
Mostra un temperamento allegro e giocoso, sempre attivo e pronto a correre e saltare.

Manifesta la sua contentezza con grandi salti che accolgono l’ingresso in casa del padrone e adora il contatto fisico e le coccole.
Il pinscher nano può risultare apparentemente un cane aggressivo verso gli estranei, ma la sua è più una chiassosità che una vera e propria ferocia, scatenata principalmente dall’inconsapevolezza delle sue ridotte dimensioni fisiche.
La sua comunicazione è sia gestuale che vocale.

Rapporto con i bambini

Anche il Pinscher nano, proprio come il Pinscher di taglia più grande, rientra a far parte dei cani da compagnia e da guardia. Grazie alle sue dimensioni ridotte, egli si adatta benissimo e senza alcun problema alla vita domestica, anche in appartamenti piccoli, dove rimarrà rintanato per tutto il periodo invernale.

Con l’arrivo della bella stagione, il cane dovrà praticare attività fisica adeguata in spazi aperti. Il suo carattere equilibrato, è un mix tra vivacità, sicurezza e fierezza, e proprio per questo, tale razza canina è ideale per l’accompagnamento e per la famiglia.

Il suo temperamento è molto simile ai cani da guardia più terribili, perché diffidente con le persone estranei, propenso ad abbaiare verso gli ospiti che non conosce ed ostile verso chi non gli va a genio.

—>> Dai un’occhiata al nostro interessante articolo sui migliori cani per bambini

Sia con gli adulti che con i bambini, il Pinscher sa essere davvero docile ed affettuoso, ma è particolarmente geloso dei suoi spazi e delle sue cose, per questo, non ama le intrusioni. Proprio per tutti questi motivi, deve ricevere una educazione decisa e ferma, onde evitare in questo modo, che la sua indole possa prendere il sopravvento. Guai a lasciarsi intenerire dai sui occhioni scuri e da quell’aria che solo apparentemente sembra essere indifesa e fragile.

Caratteristiche fisiche del pinscher nano

Dal punto di vista strutturale il pinscher nano si presenta delle dimensioni di un chiwawa, con muscolatura pronunciata, zampe lunghe e sottili, orecchie dritte ed appuntite e muso lupoide.

I maschi possono raggiungere i 6 kg di peso da adulti, mentre le femmine i 4 kg. Il mantello è raso, lucido e il colore principale è il nero focato, anche se esistono esemplari fulvi.

Grazie al pelo corto, il pinscher nano non ha bisogno di grandi interventi di toelettatura. In alcuni casi le orecchie dritte e a punta tendono naturalmente a piegarsi in avanti, caratteristica che ne addolcisce l’espressione e li rende più simpatici.
Il cranio è forte e allungato, con canna nasale lunga che si estende in una fronte piatta.
La coda è lunga e sottile anche se esistono molti esemplari con la coda mozza, per esecuzione dell’amputazione caudale (illegale) a circa 2 giorni di età del cucciolo.
L’altezza al garrese nel maschio di pincher nano può raggiungere i 30 cm, mentre nella femmina non dovrebbe superare i 25 cm.

Pincher toy

pincher toy

pincher toy

I cani di razza Pinscher, possono essere di due tipologie:

  • Pinscher medio
  • Pinscher nano detto Zwergpinscher che è quello più adottato forse per le caratteristiche identiche a quello medio anche se in formato molto più piccolo.

Il pinscher è in generale un cane adatto alle famiglie con bambini perché socievole e vivace. E’ identificabile sia come cane da compagnia sia come cane da guardia alla proprio casa in quanto molto reattivo e con doti di percezione ottime.

Sia il pinscher medio che che il pincher toy, hanno le medesime caratteristiche a parte le dimensioni e cioè il pelo corto e lucente, la testa allungata e stretta, le orecchie che se amputate sono dritte o altrimenti ricadono a forma di V e gli occhi che sono di colore scuro ed ovali.
E’ bene precisare che nonostante ci sia ancora qualcuno che impropriamente utilizza la pratica della mutilazione delle orecchie, quest’usanza fortunatamente va man mano scemando.
Anche se appare alquanto strano, ci sono parti del mondo, dove il pinscher non è conosciuto affatto mentre negli Stati uniti per esempio, si registrano quasi 4000 acquisti all’anno di questa simpatica razza.

Pinscher  nano alimentazione

Per questo argomento riportiamo un paragrafo di un sito autorevole che ci spiega l’alimentazione consigliata per un Pinscher nano.

  • Carne

Sarebbe preferibile somministrarla cruda all’animale, tuttavia, di questi tempi il rischio contaminazioni è veramente elevato, dunque per non rischiare possibili infezioni meglio cuocerla. Da evitare fegato, frattaglie e altre componenti di bovini, poiché soggette al morbo della mucca pazza. E’ bene non esagerare con la carne di maiale, dati che anche questo tipo di carne potrebbe minare la salute dell’animale. Preferire pollo, tacchino, agnello e coniglio, avendo cura di eliminare le ossa troppo piccole.

  • Pesce

Il pesce è un eccezionale alimento per questa razza canina, poiché ricchissimo di proteine e vitamine.  Quest’ultimo andrebbe somministrato appena sbollentito in acqua, unitamente a verdure e cereali, ovviamente pulito.

  • Cereali

Gli animali hanno molta difficoltà nel digerire i cereali rispetto agli uomini, per tale ragione, sarebbe sempre bene cuocere riso e pasta. Da limitare il pane bianco, ottimo il riso soffiato, a patto di metterlo a bagno in acqua tiepida.

  • Verdure

Pomodori, cetrioli, finocchi, zucche, broccoli, melanzane. Tutti alimenti che vanno ad agevolare il flusso intestinale del Pinscher.

  • Legumi

Ottimi apportatori di proteine, in misura maggiore della carne, tuttavia, essendo poco digeribili, sarebbe bene somministrarli unitamente ai cereali.

Principali patologie del pinscher nano

Ogni razza possiede una particolare predisposizione verso patologie specifiche, sia per genetica che per forzature derivate dalla ricerca della purezza della linea di sangue.
Nel caso del pinscher nano, le patologie più comunemente associate a questa razza sono due: la degenerazione retinica con atrofia progressiva e la lussazione della rotula.

L’atrofia progressiva della retina si presenta nel pinscher nano in due forme:

  • quella generalizzata (PRA)
  • e quella centrale localizzata (CPRA).

In caso di PRA il pinscher nano manifesterà pupilla dilatata anche in condizione di luce intensa e difficoltà visive in condizioni di scarsa luminosità; inoltre, con la progressione della patologia si instaura un quadro di cataratta non risolvibile.
Nel caso del CPRA, invece, la patologia manifesta una sintomatologia simile, ma con percezione dei soli movimenti centrali.
La lussazione della rotula, invece, è la fuoriuscita della rotula dalla sua sede, con dolore, blocco dell’articolazione e allentamento dei legamenti.
Spesso si risolve spontaneamente rientrando nel suo alloggio, ma questo comporta il ripresentarsi sempre più frequente.

Pinscher nano: caratteristiche fisiche

Nonostante le sue dimensioni mini, il Pinscher nano è ben proporzionato, e la sua altezza al garrese non supera i 30 centimetri, per un peso che si aggira intorno ai 6 chilogrammi. Le proporzioni del suo corpo sono quasi perfette, perché l’altezza è quasi uguale alla lunghezza.

Il Pinscher si presenta esteticamente muscoloso e tonico, con il manto e la pelle ben aderente al corpo. Gli occhi scuri, sono arrotondati, mentre le orecchie hanno una forma triangolare con la punta leggermente ricadente verso il basso, ed il tartufo nero è pronunciato con il resto del muso.

Pinscher nano

La struttura muscolare del cane e le ossa sono forti e ben sviluppati. Il manto a pelo corto, è raso, liscio e folto e non mostra zona prive di pelo. La colorazione può variare dal rosso cervo, al marrone rossiccio fino al marrone scuro.

Nello standard di razza, è prevista anche la colorazione nero focato e rossa e marrone. Le focature devono essere scure ben definite e distribuite, con forma triangolare e nel petto devono essere separati.

Pinscher nano: educazione e cure

Una delle caratteristiche peculiari di questa razza canina è la tempistica fisica, davvero invidiabile. Il Pinscher nano è una cane particolarmente forte, longevo e in salute, è vive in media 15 anni e per stare bene, ha solo bisogno di una alimentazione corretta ed equilibrata, e delle vaccinazioni stagionali.

In base all’età la sua dieta deve necessariamente variare e con essa cambieranno anche le sue condizioni fisiche ed il quantitativo di attività fisica che svolge giornalmente. Come del resto per qualsiasi altra razza canina, è importante integrare nella sua nutrizione il giusto quantitativo di carne, pesce, verdura, fibre e sali minerali.

Pinscher nano

Nonostante il temperamento non del tutto mite del Pinscher nano, esso è un cane intelligente, curioso e ben predisposto all’ascolto. Per abituarlo al contatto sia umano, che a quello con altri animali, consigliamo di frequentare dei corsi specifici per la socializzazione sin dai primi mesi di vita. Il Pinscher nano è caratterialmente diffidente e tale caratteristica potrebbe sfociare, con il passare del tempo, in comportamenti errati ed aggressività.

Pianscher nano prezzo

Il prezzo del Pinscher nano, va dalle 500 euro agli 800, se viene acquistato presso un allevamento. Nel caso vogliate un esemplare di razza purissima, vi consigliamo di rivolgervi sempre ad una struttura adeguata e certificata.

Gli allevamenti sono gli unici che possono garantire la purezza della razza canina ed in particolar modo, lo stato di salute dell’animale. Nel prezzo di un cane, deve essere compreso il primo ciclo di vaccinazione obbligatoria, una visita veterinaria dettagliata ed il rilascio del pedigree.

Leggi altri articoli scegliendo tra di questi qui sotto oppure scarica la nostra guida gratuita che ti aiuterà se hai un cane che tira al guinzaglio.

Leave a Reply